Il 23 novembre il sole è entrato nell’ultimo segno di fuoco dello zodiaco e dell’autunno: il Sagittario.

E’ un segno governato da Giove, il pianeta dell’espansione; il glifo che lo rappresenta è un arciere metà uomo e metà cavallo che fa subito pensare al movimento e all’azione.

Il Sagittario è un segno ottimista, sempre alla ricerca di avventura e conoscenza.

La sua può essere una ricerca “superficiale”, che lo porta a viaggiare e a non stare mai immobile, oppure più filosofica, più legata all’anima.

Giove è un pianeta tradizionalmente legato alla fortuna, alla ricchezza e alla felicità terrena.

Ma nell’astrologia vedica indiana viene chiamato Guru, ben più di un maestro; possiamo anche affermare, quindi, che Giove è il pianeta che spinge l’evoluzione della coscienza dell’uomo.

La mente del Sagittario è veloce, rapida, passa dal particolare all’universale in un attimo.

Ha bisogno di spazio, sa essere un grande amico, ma è difficile “stargli dietro” perchè é molto esuberante e non sopporta i pessimisti, i guastafeste, la noia e la ripetitività.

Il Sagittario può essere ingenuo, credere ciecamente e non riuscire a discriminare, ma non ti farà mai vedere se soffre, specie per amore.

La pietra che ho abbinato ai nati sotto questo segno è il quarzo citrino, ma anche il topazio giallo è perfetto.

E’ una pietra che stimola e potenzia l’energia vitale, promuove la stima in se stessi e la prosperità.

Aiuta a condividere generosamente la gioia con gli altri.

Il quarzo citrino è una pietra collegata al sole per cui porta luce e ottimismo, libera dai pensieri negativi e combatte la depressione.

Gli oli essenziali indicati ai Sagittari sono: finocchio, legno di cedro e melissa.

Puoi trovare il bracciale che ho realizzato per i nati sotto il segno del Sagittario nella collezione Astromonili!

Namaste