Febbraio è il mese degli innamorati quindi direi che è d’obbligo parlare di cuore e di amore.

Nel nostro sistema energetico il cuore è al centro: rappresenta l’equilibrio tra ying e yang, tra l’energia dell’azione e l’energia della riflessione.

Ho parlato del centro del cuore in un precedente articolo “Con amore”, che puoi trovare qui.

Il cuore, ho letto recentemente, detta legge al cervello. Quando parliamo d’amore vi è un relazione molto stretta tra quello che avviene nel cervello e il nostro muscolo più importante. Sono state scoperte nel cuore migliaia di cellule simili a quelle del cervello.

Il cuore è il primo organo che si forma quando siamo ancora embrioni e ancora oggi non si sa cosa “provochi” il primo battito cardiaco.

Pensa un po’… gli antici rishi indiani chiamavano il centro del cuore Anahata che significa il “non toccato” e cioè un suono che non viene prodotto da un’azione; il nostro cuore produce un “suono”, che conosciamo bene, e sembra nascere “spontaneamente”.

La trovo una coincidenza entusiasmante, non trovi?

Quando parliamo di cuore, parliamo anche d’amore.

Ma non solo l’amore per gli altri, anche e soprattutto l’amore per noi stessi.

La pietra più importante per il cuore è il quarzo rosa che è chiamata proprio la pietra dell’amore.

Il quarzo rosa:

  • rafforza il cuore,
  • apre all’amore per noi stessi, per gli altri e per tutte le forme di vita.

Il cuore è  il centro del coraggio e dell’equilibrio e questa pietra permette di trovare la calma e di avere un atteggiamento equilibrato e disponibile nei confronti della vita.

C’è una bellissima leggenda orientale sul quarzo rosa: due giovani innamorati si incontravano di nascosto perchè il loro amore era proibito, appartenenevano a due caste diverse. Il ragazzo portava sempre in dono all’amata una rosa. Un giorno furono scoperti e uccisi, la rosa che tenevano tra le mani cadde a terra e si trasformò in una pietra, il quarzo rosa.

Un’altra pietra che amo molto e che trovo perfetta per il cuore è la tormalina rosa: illumina l’aura (il nostro campo energetico) con l’energia dell’amore e della gentilezza, cura le ferite del cuore.

Ho creato due nuovi bracciali: uno per il cuore e uno per l’amore; li puoi trovare qui nella collezione “Indossa la tua luce”. Hanno entrambi il simbolo del cuore ma pietre diverse.

Gli oli essenziali più importanti che agiscono sul cuore sono la rosa, la cannella e il neroli (arancio amaro). Li puoi portare sempre con te indossando una collana della collezione Aromamonili.

Il cuore emette un campo elettromagnetico che si estende per diversi metri di distanza dal nostro corpo fisico; è quindi l’organo che maggiormente ci collega gli uni agli altri, che ci unisce gli uni con gli atri.

Noi siamo collegati e non separati, lo dice anche la fisica quantistica con il principio dell’entaglement:se due sistemi interagiscono tra loro per un certo periodo di tempo e poi vengono separati, non possono più essere descritti come due sistemi distinti, ma in qualche modo diventano un unico sistema. In altri termini quel che accade a uno di loro continua a influenzare l’altro, anche se distanti chilometri o anni luce”.

Namaste, mi inchino al divino in te che é anche in me, noi siamo uguali, noi siamo uno.