C’era una volta una ragazza spensierata che si chiamava Belle.

I guai in cui improvvisamente si trovò il padre la costrinsero a recarsi in un castello incantato dove viveva, apparentemente in solitudine, un essere mostruoso….

Penso avrai riconosciuto la trama de “La Bella e la Bestia”, la favola a cui mi sono ispirata per la prossima collezione che presenterò il 9 dicembre.

Ogni racconto, ogni favola, stimola profonde riflessioni, apre la mente e aiuta a capire qualcosa di più di noi stessi.

Nella favola de “La Bella e la Bestia” ci sono molti spunti di riflessione:

  • il coraggio di Belle nell’affrontare l’ignoto e la bestia
  • il coraggio della Bestia di mostrare la sua “mostruosità”
  • la sensibilità di Belle nel percepire e indovinare la bellezza interiore della Bestia, nonostante il suo aspetto
  • il rifiuto della Bestia di qualsiasi interazione con il mondo, che lo costringe a una deprivazione affettiva che non fa altro che peggiorare la sua bestialità
  • il tempo che scorre inesorabile scandito dai petali della rosa che cadono e che ci ricorda che ogni inizio ha una fine, e viceversa.

Piero Ferrucci scrive in un suo bellissimo libro: “Il mondo è come noi decidiamo di vederlo; ormai molti studi dimostrano che la realtà è una costruzione della nostra mente. Costruiamo il nostro concetto di noi stessi e del nosro corpo, del tempo, degli altri, costruiamo i nostri ricordi”

C’è una storia molto nota: al buio possiamo scambiare una corda con un serpente e averne terrore. Ma se accendiamo la luce e vediamo la realtà smettiamo di avere paura.

Il dolore e la paura “chiudono” il cuore e senza un cuore aperto non possiamo vedere realmente chi ci sta attorno, accettarlo, conoscerlo e soprattutto non averne paura.

Un’altra considerazione, importante: prima di tutto dobbiamo prendere coscienza di noi stessi, di chi siamo veramente, accettarci, amarci, amare tutto di noi, la nostra personalità, i nostri difetti, le nostre imperfezioni, amare la nostra Bestia.

Dobbiamo guardarci allo specchio con gli occhi di Belle e vedere oltre, vedere la bellezza dell’anima.

Se ti fa piacere, lasciami qui o scrivimi i tuoi pensieri sulla bellezza, la capacità di accettarci e accettare.

Namaste